Perché è più facile accettare gli autosabotaggi che i complimenti

Quante volte siamo state bravissime con gli auto-sabotaggi e in imbarazzo ad accettare i complimenti?

Ecco quale è il perché e due esercizi potenti per vincere gli auto-sabitaggi e imparare ad accettare e gioire dei complimenti.

Quante volte abbiamo detto a noi stesse: non lo puoi fare, non ce la puoi fare, non ne sei capace…

Io mi immagino una vocina pronta a fermarci, deviarci, sabotarci, che ahinoi, è la NOSTRA vocina: auto-sabotaggi che ci facciamo da sole.

Ed è funzionale quando vogliamo buttarci con il parapendio (per un istinto di sopravvivenza), ma negli altri casi, sono solo blocchi che abbiamo interiorizzato (perché ce lo hanno detto o perché ce lo diciamo noi).

C’è un’arma e saperlo è come giocare di vantaggio.

Ecco l’esercizio per vincere gli auto-sabotaggi

Scriviamo su un foglio di carta (o un diario) cosa ci diciamo che non sappiamo fare, vi faccio un esempio. Scrivo sul foglio: “Samantha non sarai mai un’esperta di bellezza perché sei troppo vecchia”.

Adesso scriviamo 3 (e dico 3) vie di uscita o soluzioni (al nostro sabotaggio).
Vi faccio un esempio: 1. l’età non è un problema, perché parlo a persone della mia stessa età;
2. mi tengo in forma per dimostrare che l’età è un numero;
3. studio e mi tengo sempre aggiornata per fare recensioni serie.

1 sabotaggio – 3 vie d’uscita.
Ogni (falsa) vocina ha almeno 3 soluzioni!

E se siamo bravissime ad auto-sabotarci, lo siamo meno ad accettare i complimenti.

Nel mio percorso di studi di questi ultimi anni (PNL, conselling, coaching) uno degli esercizi che mi ha colpito di più è questo (ed è molto intimo ma desidero condividerlo con voi e alla fine capirete il perché).

Eravamo arrivati, dopo giorni di lavoro e approfondimenti, a scrivere quelli che erano i nostri obiettivi, con tanto di azioni specifiche.
Dopo la pausa pranzo il trainer ci dice: “adesso vi divido e ciascuno di voi dovrà sabotare l’altro, dicendogli che non ce la farà mai a perseguire il suo obiettivo (anche con parole piuttosto spicce)”.
Io impassibile davanti al mio piccolo gruppo che mi insultava.

Fatto sta che l’esercizio passa, io sempre impassibile.

Cambiamo trainer e ci dice: “ok adesso lavoriamo su un altro livello: Samantha tu puoi perseguire il tuo obiettivo, tu vuoi perseguire il tuo obiettivo, tu riuscirai a perseguire il tuo obiettivo, perché sei… (e giù complimenti sinceri)”.

Un attimo e gli occhi erano pieni di lacrime, non riuscivo proprio a trattenermi dal singhiozzare come una bambina.

La sera, ripercorrendo gli esercizi fatti ho avuto una illuminazione. Davanti ai sabotaggi: non puoi perché non sei capace, perché è tardi, perché sei grassa, perchè sei bassa, perché sei vecchia (e chi più ne ha, più ne metta) – non avevo battuto ciglio come se fossi abituata a parare i colpi.
Ma davanti a parole dolci e sincere ero disarmata. Erano più “violente”.

Quante di noi hanno avuto un parente, un’amica o un marito che non perdeva occasione per farle sentire “troppo” o “troppo poche” fino a poi non sentirle più quelle parole per averle troppo interiorizzate?

Ecco l’esercizio sui complimenti

Scriviamoci un complimento, una cosa che facciamo bene e facciamoci un complimento ad alta voce davanti allo specchio!
(con tanto di singhiozzi – ve lo assicuro: è liberatorio)

2 risposte

  1. Complimenti, bellissimo articolo! In molte occasioni la mia paralisi stata figlia della paura e del timore di fallire e di non reagire alle conseguenze di tale insuccesso. Sono gli insuccessi che rendono l uomo migliore, una persona perfetta non sentir mai l esigenza di crescere e migliorarsi. Rimarr succube della propria fissit , non si distinguer e si confonder con la massa. Per questo motivo, nonostante la sofferenza ed il dolore, sono grata ai miei anni di smarrimento e di crisi . Appena ho letto il titolo del tuo articolo ho fatto un sorrisetto. Questo perch ho imparato a riconoscere questo aspetto di me non da molto tempo, e sto ancora cercando un modo per gestirlo, visto che puntualmente ci ricasco sempre. Alla base c soprattutto la paura di fallire, ma quello che mi frega pi di ogni altra cosa la mancanza di pazienza. Se non ti senti in grado o fallisci, lasci perdere. Proprio quello che dicevi o tutto o niente . Non hai la pazienza di dire Fa niente, ci riprovo e faccio con pi calma, passo dopo passo . Ed ecco che poi subentra anche il chissenefrega e la procrastinazione . Un disastro!! Dovremmo accettare le nostre imperfezioni ed essere pi tolleranti, soprattutto verso noi stessi. Grazie Andrea, buona settimana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ciao, sono <i>Samantha</i>
Ciao, sono Samantha

Benvenute sul blog don’t forget the mirror: l’incontro di donne allo specchio.

Continua a leggere
Ciao, sono <i>Samantha</i>
Ciao, sono Samantha

Benvenute sul blog don’t forget the mirror: l’incontro di donne allo specchio.

Continua a leggere
in evidenza

Articoli correlati

Identità: chi voglio essere

In questo periodo sospeso quante di noi si sono chieste: sono felice in questo matrimonio/storia, sono soddisfatta di questo lavoro, ma io chi sono?A volte in privato mi scrivete

La cintura per tutte le tipologie di fisico

Non possiamo chiamarlo semplicemente supporto funzionale!Parliamo della cintura! Ecco i consigli per indossare la cintura per tutte le tipologie di fisico. Sottile, larga, decorata, semplice: